•    ENGLISH
  • HAMELIN 40 – Dove andranno le figure?

    copertina-40-227x300Se la nostra rivista ha sempre puntato più sull’approfondimento e sul tentativo di cogliere dall’immaginario indizi utili per la comprensione del presente, oggi questa direzione si intensifica ulteriormente. Aumenta così la natura monografica della rivista, ma senza renderla più accademica, perché l’intenzione rimane quella di cercare di capire la realtà che viviamo, di darle il più possibile la direzione che vorremmo. Per questo di volta in volta i numeri potranno essere curati da persone interne o esterne dalla redazione, in base a competenza ed efficacia del risultato. Il lieve cambiamento porta anche alla scomparsa della sezione delle recensioni, sostituite da bibliografie che di volta in volta accompagneranno alcuni articoli, nella volontà di conservare anche l’utilità più immediatamente pratica attraverso consigli mirati.
    Questo numero si pone l’obiettivo di “fare il punto” sulla situazione dell’albo illustrato e dell’illustrazione in Italia oggi. Gli indubbi progressi dell’affermazione dell’albo negli ultimi quindici anni spesso ci hanno portato a mettere in evidenza libri, editori, autori e stili e a lodare gli evidenti miglioramenti. Pure la sensazione è che ora ci sembra inutile, se non controproducente, continuare sulla scia dell’entusiasmo della novità, ma sia piuttosto necessario fermarsi e cercare di leggere con lucidità, dal punto di vista critico, i risultati effettivamente raggiunti, le criticità, i nuovi fronti verso cui è necessario lavorare.

    La copertina e la quarta sono di Lilli Carré. Le illustrazioni interne sono di Nazli Tahvili.

    scarica qui l’editoriale

    IN QUESTO NUMERO

    PANORAMICHE
    DOVE ANDRANNO LE FIGURE?

    – Dove andranno le figure? • Ilaria Tontardini
    – Impasse • Fabian Negrin
    – Il singolare sviluppo dell’albo francese • Sophie Van der Linden
    – Sotto e sopra la superficie dell’immagine. Intervista a Luigi Raffaelli • Ilaria Tontardini
    – Lettera ad aspiranti illustratori • Alessandro Gottardo
    Il segno più è contenuto e più ha contenuto. A cena con William Wondriska, Remy Charlip e Bob Gill • Massimiliano Tappari
    – Di buchi, disegni e animali. Conversazione tra Anke Feuchtenberger e Stefano Ricci • Stefano Ricci, Anke Feuchtenberger

    JOSÉ PARRONDO

    RITRATTO
    – Nazli Tahvili

    – Antropologia del giovane artista ai tempi della rete • Simone Sbarbati
    La penultima copertina. Conversazione con Guido Scarabottolo e Sergio Ruzzier • Emilio Varrà
    – Appunti per una pedagogia del visivo • Damiano Pergolis
    – Tre suggerimenti di lettura sull’albo illustrato

    spedizioni