close

Liquid Lab

©Liquid Lab

Liquid Lab è un progetto presentato da Archilabò in collaborazione con Istituto dei ciechi Cavazza, Hamelin e il gruppo di LXL, Orlando, Baumhaus, Ossigeno, AIAS, Idee in movimento, Open Group e Fab Lab Valsamoggia, in via di realizzazione. Prevede l’ideazione e l’attuazione di laboratori e spazi di progettazione in tutta la città per tutto l’anno scolastico 2022-2023, creando dei punti di contatto  e delle vere e proprie intersezioni con il progetto di Hamelin Xanadu, e coinvolgendo anche alcune biblioteche scolastiche e le Case di Quartiere, ampliando la rete dei soggetti coinvolti in sintonia con gli intenti del Patto per la lettura di Bologna e valorizzando il patrimonio di Bologna Biblioteche. 

 

All’interno del progetto vincitore presentato da Archilabò, Hamelin, in collaborazione con LXL, ha ideato e realizzerà la parte relativa alla realtà aumentata, partendo dalle collezioni delle biblioteche di Bologna, e i laboratori correlati. Il progetto prevede la realizzazione di un’applicazione per smartphone che attraverso la lettura della copertina di alcuni titoli della biblioteca apra ad una molteplicità di informazioni aggiuntive: piste multimediali, altri consigli di lettura, podcast, ecc.

Lavori in corso

 

Il gruppo di lavoro si occuperà della selezione bibliografica, della curatela e della selezione di informazioni legate a ciascun titolo scelto, del lavoro redazionale dei contenuti e di alcuni laboratori con ragazze e ragazzi, che coinvolgeranno.

LXL. Leggere per leggere Bologna è un progetto di Hamelin Associazione Culturale, presentato nell’ambito di Scuole di Quartiere, sostenuto dal PON Città Metropolitane 2014-2020 e coordinato dal Patto per la lettura Bologna. Il progetto è cofinanziato dall’Unione europea | Fondo Sociale Europeo | Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020