•    ENGLISH
  • Les Maîtres de l’Imaginaire

    2 tagliata ranaFin dal suo esordio negli anni ‘70 Etienne Delessert – illustratore svizzero trapiantato negli Stati Uniti – lavora con un segno innovativo, diverso dallo stile grafico dell’epoca. Qualcuno lo conoscerà per Yok Yok, il folletto col cappello a forma di fungo protagonista dei suoi albi illustrati. Ma Delessert è celebre anche per aver partecipato a tante importanti avventure editoriali: è lui la mente dietro la collana “Monsieur Chat” dell’editore svizzero Grasset, ed è sempre lui che per primo ha pubblicato grandi autori e autrici per l’infanzia, da Monique Felix a David Macaulay, fino a Roberto Innocenti. Collezionista e filantropo, nel 2017 Delessert ha creato a Losanna Les Maitres de l’Imaginaire, una fondazione che, oltre a essere un punto d’incontro per artisti, critici e studiosi della letteratura per l’infanzia, raccoglie una collezione di opere originali di grandi illustratori da tutto il mondo.

    deless 1 tagliata
    Les Maîtres de l’Imaginaire
    31 marzo – 28 aprile 2019
    Sala d’Ercole, Palazzo d’Accursio

    Una parte della collezione della Fondazione di Etienne Delessert arriva a Bologna: oltre 35 artiste e artisti, da Heinz Edelmann a Roberto Innocenti, da Monique Felix a David Wiesner sono esposti a Palazzo d’Accursio, in un percorso che racconta alcuni dei più grandi creatori d’immagini (e di immaginari) degli ultimi cinquant’anni.

    Inaugurazione: 31 marzo h 19
    Orari
    martedì > domenica h 10 – 19
    venerdì h 14.30 – 19
    chiuso il lunedì

     

     

    A cura di Etienne Delessert
    In collaborazione con Hamelin Associazione Culturale, Fondation Maitres de l’Imaginaire
    Con il sostegno di Pro Helvetia, Consolato Generale di Svizzera a Milano, Comune di Bologna

    BOOM! Crescere nei libri  è il programma promosso da Comune di Bologna e BolognaFiere raccoglie le attività per bambine bambini che animano la città durante Bologna Children’s Book Fair 2019 e che da quest’anno si inserisce nel nuovo Patto per la Lettura di Bologna.