•    ENGLISH
  • Aspettando Bilbolbul – Kitty Crowther

    In fondo al giardino. Le figure di Kitty Crowther

    Il quarto appuntamento della seconda tappa di Aspettando Bilbolbul sarà giovedì 27 marzo alle 11 con l’artista Kitty Crowther all’Accademia di Belle Arti (via Belle Arti 54, Bologna).

    “Se dovessi scegliere una sola parola con cui descrivermi userei ‘raccontastorie’. Sono stata immersa nelle storie da che ne ho memoria. Nei libri ho sempre trovato rifugio.”

    Kitty Crowther è un’autrice e illustratrice che vive e lavora in Belgio. Nata a Bruxelles nel 1970 da padre inglese e madre svedese, ad oggi ha firmato più di 40 titoli pubblicati principalmente in Francia e in Belgio e tradotti in diverse lingue. Nel 2010 è stata insignita del prestigioso Astrid Lingren Memorial Award, il Nobel della letteratura per l’infanzia.
    Fra i suoi lavori più importanti  La visite de Petite Mort (2004), Dans moi (2007), Alors (2008), Le petit home et Dieu (2010), e la serie Poka & Mine (2005, 2006, 2007, 2010). L’uso magistrale di materiali semplici come la matita e i pastelli le permettono di esplorare numerosissime direzioni di espressione artistica. L’equilibrio di luce e di segni presente nelle sue tavole accompagna i testi scandendone il ritmo attraverso immagini che illustrano la bellezza e la magia dei sentimenti, creando un insieme organico fra immagine e storia. Conflitti familiari, difetti, solitudine e morte: Kitty Crowther non si tira indietro di fronte a tematiche difficili da affrontare, che diventano invece l’obbiettivo della sua riflessione. L’oscurità spesso presente nel suo lavoro non degenera mai in disperazione, ma lascia spazio alla trasformazione e alla possibilità, aprendo a punti di vista sempre nuovi. Uno dei punti di forza della poetica dell’autrice è infatti la capacità di mostrare come la debolezza può essere trasformata in forza. La grande empatia dei suoi personaggi è espressione della forte umanità che caratterizza tutto il suo lavoro.